.
Annunci online

  bazardelleparole [ Siamo isole o capocomici ]
         

IL TOCCASANA DEGLI SVOGLIATI...
 
... è un progetto ideato da alcune persone che hanno intrapreso un viaggio nel mondo della Comunicazione, scoprendo,
che c'è una guerra in corso - potremmo chiamarla la guerra dei Media - guerra di cui noi siamo i bersagli, e non sempre molto consapevoli; guerra che fa sì che alla lunga si diventi SVOGLIATI, ma non perchè di pigra costituzione; o in quanto disamorati della vita; o perché fannulloni di natura; o per via che siamo svigoriti dalle innumerevoli polluzioni notturne. No, tutt'altro!!!
il toccasana degli svogliati è dialogo, colloquio, discorso alterno di due o più persone; è il contrario dello Spettacolo 

 



E li uomini in universali iudicano più alli occhi che alle mani; perché tocca a vedere a ognuno a sentire a pochi. Ognuno vede quello che tu pari, pochi sentono quello che tu se' (…)Facci dunque uno principe di vincere e mantenere lo stato: e mezzi saranno sempre iudicati onorevoli e da ciascuno laudati; perché il vulgo ne va sempre preso con quello che pare e con lo evento della cosa, e nel mondo non è se non vulgo.

Niccolò Machiavelli



Io sono un cavallo… di Jean Arp

viaggio in un treno

pieno zeppo

nel mio scompartimento

ogni posto è occupato da una donna

che tiene un uomo sulle ginocchia

l’aria è calda insopportabilmente

c’è un’atmosfera tropicale

tutti i viaggiatori

hanno una fame gigantesca

mangian di continuo

gemono gli uomini ad un tratto

chiedono il seno

chiedono il latte

vogliono tettare

alle donne sbottonano il corsetto

prendon la mammella

e del buon latte fresco si concedono

io solo non tetto nessuno

e nessuno mi tetta

nessuno sui ginocchi mi ha cullato

perché sono un cavallo

dritto e grande son seduto

sopra i miei posteriori

sul sedile ferroviario

con gli anteriori

comodamente sto appoggiato

hiihiihii nitrisco con vigore

brillano al mio petto

i sei bottoni del sex-appeal

bene allineati

come i bottoni luccicanti di una uniforme

oh com’è piccolo il mondo

oh come sono grandi le ciliegie.



Ho visto più o meno

Tutte le plastiche al naso

I denti finti

E le tette al silly - cone

Che potevo vedere

E adesso ritorno

Dalla mia donna naturale

11/23/81

Los Angeles, Ca.

sam shepard





Posta del cuore

Cercasi aquila di mare, amichevole ma reclusa e asociale.

Astinente, chiacchierone, instancabile, non zelante, spiritualmente intenso, impercettibilmente estatico… cerca falena della stessa specie per seduzione telefonica, viaggi vivificanti e turbinio permanente intorno alla fiamma. Foto non richiesta. Età senza importanza. Vocazioni non competitive prese in considerazione. Pregasi fornire cassetta di conversazione. Prova notarile vocazione non maritale; referenze consistenza vocale. Itinerario e ricevute dei voli riusciti fuori dalla città. Sotto il sigillo del segreto, sgualdrine astenersi. Incontri per candidate promettenti da indirizzare a…





C'era una volta un asino, un gran lavoratore, che faticava senza sosta dall'alba al tramonto. Un giorno le sue forze cominciarono piano piano ad abbandonarlo e lui rendeva sempre di meno, così che il padrone decise di liberarsene. Pur di scampare alla morte, l'asino fuggì e prese la strada per la città di Brema. "Posso sempre diventare musicante nella banda municipale di Brema" pensava.
1.(continua)



Cammina cammina, incontrò un cane da caccia disteso in un fosse, che ansimava come se avesse corso fino all'estremo delle forze. "Perché sbuffi a quel modo?" gli chiese l'asino. "Perché sono vecchio" spiegò il cane "e divento ogni giorno più debole. Il mio padrone stava per uccidermi, e così sono scappato via". "Ascolta me" disse l'asino "io sto andando a Brema per entrare nella Banda Municipale. Perché non vieni anche tu? Io suonerò il liuto. Tu potresti suonare il tamburo". Il cane pensò: "Che idea!" e fu così che i due continuarono la strada insieme.

2. (continua)





Un po' più in là s'imbatterono in un gatto seduto sul ciglio della strada. Era così malconcio che a guardarlo ti veniva malinconia, come quando piove per tre giorni di fila. "Che ti succede, vecchio mio?" chiese l'asino.

"Lascia che te lo dica: non è mica uno scherzo quando ti vogliono fare la pelle!" rispose il gatto. "Sto invecchiando, i miei denti non sono più affilati come un tempo e poi preferisco star accovacciato vicino al fuoco a sonnecchiare piuttosto che dar la caccia ai topi. Per questo la padrona voleva annegarmi. Me la sono data a gambe giusto in tempo, ma adesso non so proprio che fare né dove andare". "Vieni a Brema con noi! Di serenate te ne intendi, potresti diventare un buon musicante". Il gatto pensò che l'idea non era poi tanto male e s'incamminò con loro.

3. (continua)




Durante il viaggio, i tre fuggiaschi passarono davanti ad una fattoria. C'era un gallo seduto sullo steccato, che cantava a squarciagola. "Il tuo canto mi stordisce" osservò l'asino. "Che ti piglia?". "Viene gente a cena domenica, che è domani, e la moglie del contadino ha ordinato alla cuoca di metterci me, nel brodo. Mi taglieranno la testa proprio stasera. Perciò canto fin che posso!".
"Ascolta me" gli disse l'asino "non ti conviene scappare con noi? Siamo diretti a Brema e vedrai che qualsiasi posto è meglio della pentola. Tu hai una gran bella voce e, se suoniamo insieme, sentirai che concerto!". Al gallo piacque assai il consiglio dell'asino e così continuarono la strada tutti e quattro insieme.
4. (continua)


































































































13 luglio 2017

Bevo jagermeister perché a forza di mandar giù neurolettici... non riesco più a masticare a deglutire a inghittire e. MI SPUNTA UN BOLO IN BOCCA!!

e' SEMPRE STATO UN LUOGO COMUNE che non è una buona cosa mettersi nelle mani di uno psichiatra... Questo luogo comune sembra essere la vera storia della psichiatria e dello psichiatra. Visti i rusultati ottenuti dalle istituzioni psichiatriche, fuori dai luoghi comuni, NON E' PROPRIO IL CASO DI METTERSI NELLE MANI DELLO PSICHIATRA.  




6 maggio 2017

Bevo jagermeister perché oggi mi sento assai straniero nonché estraniato a me stesso e questomi stressa

           




30 aprile 2017

Bevo jagermeister perchè mi sa che manca poco

           

Il Buddha, il Divino, dimora nel circuito di un calcolatore o negli ingranaggi del cambio di una moto con lo stesso agio che in cima a una montagna o nei petali di un fiore




4 aprile 2017

Bevo jagermeister perché... ho appena imparato che cosa vuol dire RANDOM

           

Stavo rileggendo GENERAZIONE A di Douglas Coupland perchè non me lo ricordavo più e in particolare a psg.2016, dove stava scritto: "CI SFORZAMMO TUTTI E CINQUE DI METABOLIZZARE L'ESTENSIONE MICROSCOPICA E LA QUALITA' VAGAMENTE RANDOMIZZATA DELLA SUDETTA MISSIONE, tra parentesi la missione data ai cinque è quella di raccontarsi delle storie a vicenda, quando mi accorsi di non capire per nulla il significato di questa breve frase, e in particolare il significato della parola randomizzata; a questo punto presi l'Hazon della lingua inglese dall'armadio e andai alla parola random: agg. fatto a caso, a casaccio, a random shot, un tiro a casaccio; at random, a caso, a casaccio; sbadatamente.

Insomma alla cazzo, alla boia di un giuda, alla cazzo di cane, alla va là che vai bene, ad minchiam, di cosa fatta col culo, così come ti viene, RANDOM, appunto, come questo scritto che vo scrivendo...




22 marzo 2017

Bevo jagermeister perché uno dei 5 libri che preferirei portare con me nella fantomatica isola deserta è Gli Strumenti del Comunicare di MC LUHAN...

Una parte enorme delle nostre esperienze nella maturità è inesprimibile a parole. Alfred North Whitehead




18 marzo 2017

bevo jagermeister perchè... non credo nelle autobiografie, credo invece ai graffiti sulle auto

            Peanuts




12 marzo 2017

Bevo jagermeister perché ieri 11 marzo sarebbe stato il compleanno di Franco Basaglia, medico neurologo psichiatra fra gli ispiratori della legge 180/78 quella sulla chiusura dei manicomi

           

«Per me, che si parli di psicologo o di schizofrenico, di maniaco o di psichiatra è la medesima cosa: sono tanti i ruoli, all'interno di un manicomio, che non si sa più chi è il sano o il malato. Io direi che una della condizioni del nostro lavoro fu che la nostra unione non scaturiva dalla tecnicizzazione, ma dalla finalità politica che univa tutti. Essere psicologo, psichiatra, terapeuta occupazionale, ecc. ed essere internato era la medesima cosa perché, quando ci univamo in assemblea per discutere, tutti cercavano di dare il loro contributo per un cambiamento. Noi capimmo, per esempio, che un folle era molto più terapeuta di uno psichiatra, e allora lo psicologo e lo psichiatra erano messi in discussione.»

(in Conferenze brasiliane, 1979)

 




10 marzo 2017

Bevo jagermeister perchè domani sarà il compleanno di Franco Basaglia, medico psichiatra antipsichiatrico...

           

[ ...che cos'è l'istituzione? ]

«Ricordo che circa vent'anni fa sono andato in Inghilterra perché si era avviata in quel paese una grande opera di rinnovamento dei programmi istituzionali, sia nella medicina in generale che nella psichiatria in particolare. Ho visitato molte di queste istituzioni e ho constatato che c'era un differente rapporto tra medico e malato, - un rapporto più libero, meno coercitivo, e mi sembrava di non riuscire più a capire il concetto di istituzione. Lo capivo sì, perché lo avevo studiato, ma il vissuto che avevo sperimentato fino a quel momento, vivendo nelle istituzioni italiane, era molto differente dal concetto di istituzione quale vedevo nelle istituzioni inglesi. Ed ho chiesto, vergognandomi, ad un collega inglese "cosa vuol dire istituzione?".
Lui non sapeva darmi una risposta; si meravigliava molto della mia ineleganza concettuale, - in quanto gli inglesi pensano che i "continentali' siano molto più concettuali, molto più precisi nelle definizioni, mentre loro sono molto pragmatici -, e guardandomi mi rispose in maniera pragmatica: "l'istituzione è... - guardandosi in giro - ...questa", e indicava con le mani. Eravamo nella stanza di un manicomio.
Così ho avuto l'illuminazione: l'istituzione in quel momento eravamo noi due, là, in quel posto che era il manicomio. E ho cominciato a capire che tutti i discorsi, che noi facevamo in quel momento, erano discorsi che aprivano o chiudevano questa istituzione che eravamo noi due. Se noi facevamo dei discorsi di apertura, l'istituzione era una situazione aperta; se noi facevamo dei discorsi di chiusura, l'istituzione era un'istituzione chiusa. Questo era il parlare, ma poi c'era anche il fare. Se un'istituzione viene gestita dal suo personale in maniera chiusa, mentalmente e praticamente, l'istituzione è chiusa; se fa l'opposto l'istituzione si apre.»

(in Lezione/conversazione con gli infermieri nel congedo da Trieste, 1979)

 




9 marzo 2017

Bevo jagermeister perché nella vita ci vuole coraggio

Ieri fu una giornata tranquilla alla casa dei matti dove lavoro (lavoro è un'espressione un po' forte) comunque, OGGI, ho passato l'intera mattinata tra il letto e la cucina fin dentro il mio pigiama tra il sonno il dormiveglia qualche spuntino la lettura dei giornali del mattino il lunch la tua vita presa al laccio qualche lancio d'agenzia e così via in uno stato starei quasi per dire limbico o libico del tardo pomeriggio invece è già mattina; poi mi decisi a scegliere il n. 8 della raccolta dei "peanuts" dov'erano raccolte strisce degli anni 1957-58-59 e iniziò davvero la giornata che ormai era diventata un pomeriggio pieno se non inoltrato: c'è sally e linus in cima a una collinetta che guardano in alto le nuvole sopra e dietro loro con sally che dice: Le nuvole hanno padri e madri? le nuvole vivono e muoiono? hanno speranze e sogni? provano dolore? hanno timori e ansie? (dimenticavo di dire che linus indossa un paio di occhiali da vista con la montatura rotonda; poi i due che sono in piedi affiancati girano la testa, si guardano, e poi Linus si volta nuovamente verso di te che stai leggendo e fa...) TORNIAMO ALLA PRIMA DELLE TUE DOMANDE. ci vediamo stasera, da Lucy.




2 marzo 2017

Bevo jagermeister perché è marzo è vento è primavera è donna è aria di compleanni pesci, tra cui modestamente...

            OTTO MARZO SCIOPERO INTERNAZIONALE DELLE DONNE


La storia dell’8 marzo nel Novecento è quella di manifestazioni e scioperi. Anche dopo la sua consacrazione istituzionale questo giorno rimane quello della lotta femminista internazionale per una società in cui vivere libere da oppressioni patriarcali e capitaliste.

Dallo sciopero femminista USA 1961 contro la guerra, a quello del 1970 “per la pace e l’Uguaglianza”, sino a quello generale del 1975 in Islanda per il riconoscimento del lavoro delle donne, e poi la grande manifestazione in Usa del 1986 “pro Choice”, …
dalle vaste e trasversali manifestazioni italiane per il divorzio e la libertà femminile nel 1972 e nel 1974, a quelle  spontanee per la difesa della Legge 194 nel 1981 (vittoria dei No ai referendum abrogativi) e nel 2008, alla manifestazione contro le disparità sul lavoro, e per inciso contro il governo Berlusconi, indetta da ‘Se non ora Quando’ nel febbraio 2011...
…sino alla grande manifestazione delle donne in Polonia per l’aborto legale, il “Black Monday” di Varsavia del 3 ottobre 2016 ed al “Mercoledì Nero” di Buenos Aires del 19 ottobre 2016 che le donne sudamericane, riunite in “Ni una menos”, hanno lanciato con un grido di rabbia per dire basta alla violenza machista riproponendo il “paro”, lo sciopero, per l’otto marzo,
…alla manifestazione “Non una di meno” a Roma dello scorso 26 novembre che ha visto la partecipazione di centinaia di migliaia di donne…
...La manifestazione contro l’elezione di D. Trump, sabato 21 gennaio 2017, ha espresso la protesta contro il sessismo del nuovo presidente, e fatto scendere in strada tante altre voci per un totale di oltre 500mila persone nella sola Washington e oltre tre milioni nell’intero Paese....
Le donne in questi decenni sono scese nelle piazze per reclamare ed esigere la fine dei sistemi di violenza, sia contro il militarismo che contro la violenza domestica e il sessismo…
e la protesta è arrivata con la sua ondata anche in Italia proprio nel momento in cui cresceva il dissenso verso il nuovo “Piano strategico contro la violenza” sulle donne, contestato per i suoi contenuti politici e per gli stanziamenti inadeguati, oltre che per la metodica di approvazione, in primo luogo dalle donne che da decenni lavorano nelle Case rifugio e nei Centri antiviolenza (77 centri riuniti nella associazione DiRE).

Un movimento trasversale di donne formato dalla manifestazione “Non una di meno” dello scorso 26 novembre 2016 a Roma per rivendicare la centralità dell’autonoma voce delle donne nei confronti dei piani governativi promossi al fine di contrastare la violenza maschile contro le donne e la violenza di genere. Questo movimento si è riunito nuovamente in assemblea a Bologna a febbraio: la piattaforma che è scaturita indica i punti da cui partire per un programma politico femminista ad ampio spettro, inclusivo e radicale, sfociato nella richiesta, plaudita o controversa, alle forze di sindacali di indire per l’otto marzo 2017 uno sciopero di 24 ore.

I punti della piattaforma di NON UNA DI MENO sono:

La risposta alla violenza è l’autonomia delle donne

Senza effettività dei diritti non c’è giustizia né libertà per le donne

Sui nostri corpi, sulla nostra salute e sul nostro piacere decidiamo noi

Vogliamo rivendicare un reddito di autodeterminazione, per uscire da relazioni violente, per resistere al ricatto della precarietà

Contro ogni frontiera: permesso, asilo, diritti, cittadinanza e ius soli

Scioperiamo affinché l’educazione alle differenze sia praticata dall’asilo nido all’università, per rendere la scuola pubblica un nodo cruciale per prevenire e contrastare la violenza maschile contro le donne e tutte le forme di violenza di genere

La violenza ed il sessismo sono elementi strutturali della società che non risparmiano neanche i nostri spazi e collettività

Contro l’immaginario mediatico misogino, sessista, razzista, che discrimina lesbiche, gay e trans

Alternativa Libertaria/FdCA condivide la piattaforma di Non una di meno, partecipa alle mobilitazioni per la sua piena attuazione e con le sue e i suoi militanti contribuisce a costruire momenti di crescita e di affermazione di libertà, giustizia e laicità per tutt*.
8 marzo 2017
Alternativa Libertaria/fdca



sfoglia     maggio       
 


Ultime cose
Il mio profilo



Sagarana


La Parda Flora
Skiribilla
Marosia Castaldi
Diario
diderot
Carmilla & Mircalla
oplepo
paolo albani oplepo
gianky
stark
articolo 21
Le balene restino sedute
fatto di chinotto
minimum fax
anni 70
Cinemazero
Macchianera
kappavu
La Repubblica
pensavopeggio
vibrisse
eva
cosa
L'Unità
vukovich
dockexe
la farfalla granata
aviano
brunobozzetto
r.i.p.
prima pagare...
gipi
luigi di ruscio
indiani
mr.atoz
zorro beha
internazionale
news24
peacereporter
pizzeria kamikaze
haaretz
free zone
films
vassilissa
scacciapino
liber
tivuàrcobaleno
mitraglia
turnè
nadiasummer
stranalavita
marni
lucy in the blog
bertolucci
dvdvideo
scacchi
giovanni grillo
comafilm
scacchierando
novamag
el ghibli
i papu
mirko
i ciechi con l'elefante
magna gati
luciarehab
blo&go
mylla
mr. creosoto
lucky


Blog letto 1114708 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom